giovedì 14 febbraio 2019

Cascata Sflunc

La cascata Sflunc, si trova lungo l'itinerario dell' Anello di Pinzano, che porta il segnavia Cai 822.
Noi ne abbiamo percorso solo un breve tratto, partendo da una stradina interdetta al traffico, raggiungibile da Via XX Settembre (cartello con civici 110-122). Provenendo dal centro di Pinzano al Tagliamento, scendendo verso Valeriano, giriamo a destra e subito dopo a sinistra, seguendo la stradina quasi fino al divieto di transito, parcheggiando a lato strada senza intralciare la viabilità. 


martedì 12 febbraio 2019

Clapat di Cornino... e postazioni austro-ungariche di Villuzza

Seguendo i "Percorsi della Grande Guerra", siamo andati a visitare il "Clapat", isolotto sul fiume Tagliamento che si trova a metà del percorso del ponte di Cornino. 
Provenendo da Majano, dobbiamo oltrepassare Cimano (che rimane sulla sinistra) e, attraversando il ponte sul Tagliamento, imboccare l'unica stradina che si stacca sulla sinistra e scende verso una cava e il greto del fiume.



Rio dell'Acqua Caduta a Cimano

Per vedere le belle cascate del Rio dell'Acqua Caduta, oltrepassato l'abitato di San Daniele, prendiamo la strada che ci porta a Cimano e cerchiamo Via Borgo Ceschia. Proprio all'inizio della via, sulla sinistra troviamo il cartello con le indicazioni per raggiungere questo bucolico posticino. 


lunedì 11 febbraio 2019

Castello di San Giovanni a Flagogna

Molte volte, passando in auto, ne avevamo scorto le mura sulla piccola dorsale che sovrasta l'abitato di Flagogna. Sabato arriva il momento di andarle a vedere da vicino e, dopo aver raggiunto Flagogna da Cimano, oltrepassiamo il centro e iniziamo a scendere verso Pinzano con la Strada Provinciale 22,  parcheggiando l'auto in un piccolo parcheggio sulla sinistra, subito dopo una curva. A piedi, ritorniamo leggermente indietro e imbocchiamo Via Castello (segnalazioni per il castello e piccola fonte d'acqua), risalendola tutta fino ad una curva con paramassi.


giovedì 7 febbraio 2019

Fontana del Tof, Chiesetta di Praforte e Col Monaco

Da Paludea (Castelnovo del Friuli), risalendo verso Clauzetto, proprio di fronte al bivio con la strada che porta a Celante di Castelnovo, c'è un bellissimo ponte pedonale in pietra, ad arco sul torrente Cosa: una volta attraversato, porta ad un sentiero che ci conduce in breve alla Fontana Tof, dove troviamo anche una Madonnina che guarda lo scorrere delle acque che scendono giù dalla sorgente. 


giovedì 31 gennaio 2019

Pozzo del Signore, Cascate Butines e ponte ad arco sul rio Pontaiba

L'abitato di Casiacco, dove inizia la nostra escursione, si può raggiungere da Pinzano al Tagliamento, da Forgaria del Friuli o da Flagogna. 
Noi abbiamo lasciato l'auto nel parcheggio del campo sportivo (via del Molino) e siamo risaliti verso la statale, imboccando la sterrata nei pressi dell' "Ancona dei Scevoi". 


domenica 27 gennaio 2019

Il sentiero della Madonna Ballerina

Sabato abbiamo percorso il sentiero della Madonna Ballerina, che si sviluppa lungo il sentiero Cai 814, che collega la piccola borgata di Pert (Val d'Arzino) all'abitato di Forgaria del Friuli. 


lunedì 21 gennaio 2019

Monte Campeon, Monte Faeit.... e Castello Frangipane (Tarcento)

I monti Campeon e Faeit sono accessibili da più punti e con vari dislivelli: si può salire da Artegna, attraverso il sentiero Naturalistico del monte Faeit (circa 500m.d.); dalla località Roccolo di Montenars, attraverso la lunga sterrata (circa 100m.d.), o da malga Vidoni, sopra l'abitato di Sammardenchia. Essendo quest'ultimo tracciato esposto a sud, noi domenica siamo saliti da qui, raggiungendo il piccolo paesino di Sammardenchia che abbiamo trovato affollato d'auto per qualche festività locale. 

lunedì 14 gennaio 2019

Anello della Croce di Vito d'Asio

Nel gennaio 2011 io, Nicholas e un piccolo Gabriele nello zaino, andavamo in esplorazione di quella croce notata sopra l'abitato di Vito d'Asio. 
Otto anni dopo, ci torniamo solo io e Gabriele (questa volta con le proprie gambe!), compiendo l'intero anello proposto sul sito del comune di Vito d'Asio.


venerdì 4 gennaio 2019

Madonna della Neve e Mari dal Friul

Nel 2011 un piccolo Gabriele saliva per la prima volta, un passetto dopo l'altro, alla chiesetta della Madonna della Neve.
Ci ritorniamo dopo otto anni, passo dopo passo, su per quella bella mulattiera lastricata che inizia con una gradinata, proprio dietro la chiesa parrocchiale di Anduins.